La bandiera dei combattenti curdi sventola da oggi su Tel Abyad
La bandiera dei combattenti curdi sventola da oggi su Tel Abyad (Keystone)

Siria, schiaffo curdo all'IS

Lo Stato islamico ha perso una città di frontiera, punto di transito basilare per gli jihadisti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Battuta d'arresto dell'IS che ha subito la sua più pesante sconfitta in Siria dalla creazione, nel giugno 2014, del califfato; le forze curde hanno catturato Tel Abyad, città di frontiera con la Turchia e punto di transito vitale per gli jihadisti.

E adesso, dopo aver conquistato villaggi e territori nella provincia, le Unità di protezione del popolo curdo (YPG) hanno spinto l'IS a barricarsi nella loro “capitale” siriana, Raqqa, a 80 chilometri dal confine turco. Ma hanno anche preso il controllo della strada di collegamento verso Raqqa, in tal modo bloccando le vie di rifornimento di armi, petrolio e anche i “foreign fighters”.

Come per Kobane anche per Tel Abyad, un esercito di terra organizzato e motivato, fiancheggiato dagli aerei della coalizione anti-jihadista guidata dagli americani e dai ribelli siriani, ha reso possibile la vittoria. E non è la prima se si considera che, da gennaio, sono stati sottratti allo Stato islamico almeno 500 villaggi curdi e cristiani.

AFP/AGI/EnCa

Condividi