Immagini che anche la Casa Bianca ha definito inaccettabili (keystone)

Sospeso il servizio a cavallo

Amministrazione Biden ancora nella bufera per il trattamento dei migranti al confine con il Messico - Si dimette l'inviato ad Haiti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La polizia di frontiera statunitense, su ordine del ministro degli interni Alejandro Mayorkas, ha sospeso temporaneamente il servizio degli agenti a cavallo nella zona di confine a Del Rio, in Texas, dove giorni fa alcuni poliziotti sono stati ripresi mentre agitavano le redini dei propri animali a mo' di frusta, per tenere lontani dei migranti haitiani.

Sull'episodio sono in corso delle indagini federali, la bufera sull'amministrazione Biden non si placa e il presidente, la cui popolarità già risente del caotico addio all'Afghanistan e delle conseguenze della pandemia, ha dovuto incassare un colpo clamoroso, le dimissioni del suo inviato speciale ad Haiti.

 

Daniel Foote in una lettera al Dipartimento di Stato denuncia senza mezzi termini "il trattamento disumano" riservato ai migranti haitiani e attacca la politica dei rimpatri forzati definita "sbagliata e controproducente". Una politica, scrive, "a cui non voglio essere assolutamente associato", fatta di "interventi che hanno prodotto e stanno producendo solo risultati catastrofici".

"Le mie raccomandazioni sono state ignorate e messe da parte", attacca quindi il diplomatico di lungo corso, che proprio Biden aveva nominato nel luglio scorso inviato speciale a Port-au-Prince, dopo l'assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise. Secca la risposta del Dipartimento di Stato: "Invece di partecipare a trovare soluzioni, l'inviato ad Haiti ha scelto di dimettersi e di rappresentare in modo fuorviante i motivi delle sue dimissioni", ha commentato il portavoce Ned Price.

 

Foote è stato fin dall'inizio fautore di una politica più tollerante nei confronti delle migliaia di persone che fuggono da Haiti e che si sono accampate al confine sud. Questo nella speranza di ottenere un permesso per entrare nel Paese, rientrando in quello status di protezione che Biden a maggio aveva esteso a circa 150'000 haitiani già residenti negli Stati Uniti.

Il Rio Grande
Il Rio Grande (keystone)

Ma l'inviato ad Haiti si sarebbe trovato di fronte a un muro da parte dell'amministrazione, che questa settimana ha già rispedito ad Haiti almeno 300 persone e che ha in programma di respingerne almeno altre 14'000 entro il prossimo mese.

Alejandro Mayorkas
Alejandro Mayorkas (keystone)

Del resto Mayorkas giorni fa recandosi al confine col Messico era stato chiaro: "Da qui non si entra". "Biden né più né meno come Trump", attaccano ora i critici.

 
ATS/pon
Condividi