Ashton Carter spiega la strategia contro gli estremisti islamici
Ashton Carter spiega la strategia contro gli estremisti islamici (keystone)

Stato islamico senza campo

Il Pentagono tenta d'isolare l'organizzazione terroristica almeno sul piano virtuale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il comando per le attività di difesa e d'attacco informatico, un'unità militare statunitense forte di alcune migliaia di uomini (6'000 al suo massimo, nel 2018), ha dato il via al tentativo di distruggere le connessioni dell'organizzazione terroristica Stato islamico allo scopo d'isolarla almeno sul piano virtuale. Si tratta della prima operazione su larga scala di questo genere, come hanno indicato giovedì responsabili del Pentagono.

L'intento è di creare falle nella successione degli ordini, di bloccare la circolazione di denaro, di annichilire la capacità d'arruolamento e di sopprimere l'indottrinamento di intere popolazioni, stando alle precisazioni fornite a una commissione del Senato dal ministro della difesa Ashton Carter. "Li bombardiamo e toglieremo loro internet", ha detto.

Gli ha fatto eco il generale Joe Dunford, capo dello stato maggiore interarmi, ovvero il più alto graduato del paese, specificando che la manovra è complementare di quanto avviene sul terreno.   

AFP/dg

Condividi