L’operazione della polizia a Schaerbeek
L’operazione della polizia a Schaerbeek (web)

Stragi, l'inchiesta s'allarga

Sette persone arrestate a Bruxelles, una a Parigi e due in Germania, si cerca un 28enne siriano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Almeno sette persone sono in manette a Bruxelles a causa degli attentati che hanno provocato la morte di 32 persone il 22 marzo (vedi correlati). Sempre di oggi, venerdì, sono due fermi in Germania e uno a Parigi: "Volevano attaccare ancora". Hollande: "Cellula colpita al cuore, ma ce ne sono altre". Su Facebook i familiari dell'italiana dispersa: "Patricia è morta" e la Farnesina conferma anche quella di Jennifer Scintu Waetzmann, cittadina tedesca di origini italiane.

L'avviso di ricerca di Naim Al Hamed, «pericoloso e armato»
L'avviso di ricerca di Naim Al Hamed, «pericoloso e armato»

Il 28enne siriano Naim Al Hamed sarebbe il ricercato del momento e oltre a lui c'è anche Mohamed Abrini, amico d'infanzia di Salah Abdeslam e implicato in entrambi gli attentati, sia quelli di Parigi sia quelli a Bruxelles.

 

Le perquisizioni continuano nonostante che il livello di allerta nella città sia stato abbassato da 4 a 3. Un video girato con un telefonino mostra un'operazione delle forze di polizia a una fermata dell'autobus a Schaerbeek, quartiere nord-orientale di Bruxelles. L'uomo arrestato (ferito alle gambe e trascinato dentro una volante) sarebbe "un pesce grosso" dell'organizzazione terroristica Stato Islamico (IS) in Europa. Una bimba che sembra si trovasse insieme a lui è stata allontanata dagli agenti.

Ansa/px

Condividi