Tecnologia sotto la lente europea

La Commissione sta elaborando una serie di parametri per favorire lo sviluppo dell'intelligenza artificiale ma limitarne possibili rischi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Favorire lo sviluppo dell'intelligenza artificiale ma limitarne possibili rischi e derive. È l'obiettivo dichiarato della Commissione europea che sta elaborando una serie di parametri per regolare questo settore e che sottolinea come le autorità "dovrebbero essere in grado di testare e certificare i dati utilizzati dagli algoritmi", garantendo "il rispetto dei diritti fondamentali, in particolare la non discriminazione".

Verrà elaborata una scala di rischio in base alla quale verranno decise eventuali limitazioni: in sostanza, più l'uso di un elemento di intelligenza artificiale sarà pericoloso o controverso, più le regole saranno severe. Un esempio è quello del riconoscimento facciale che se da una parte permette di aumentare la sicurezza nell'accedere al nostro smartphone, dall'altra potrebbe essere utilizzata per spiare i movimenti delle persone.

La Confederazione è spettatrice interessata anche se le future normative saranno solo orientative
La Confederazione è spettatrice interessata anche se le future normative saranno solo orientative (Pixabay)

L'idea è quella di muoversi come è stato fatto sulla raccolta e il trattamento dei dati da parte di siti, social network e altre entità: ossia permetterla, ma con regole proprie che assicurino che i diritti individuali e fondamentali siano rispettati.

Nei prossimi tre mesi, le parti in causa - tra cui aziende come Google o Facebook o gli istituti di ricerca - potranno dire la loro sui piani della Commissione. L'Unione Europea confida di avere entro la fine dell'anno le proposte legislative che dovranno poi essere approvate dagli Stati membri e ratificate dal Parlamento.

La Confederazione è spettatrice interessata anche se le future normative saranno solo orientative. Sebbene, non ci saranno vincoli, l'intelligenza artificiale è uno dei campi di punta della ricerca svizzera, pertanto Berna guarda con estremo interesse alle discussioni in corso.

 
Condividi