Trump aveva già dichiarato che al confine potrebbero essere dispiegati fino a 15'000 soldati (keystone)

"Tirano pietre? Sparategli"

Il presidente americano Trump ha invitato l'esercito ad aprire il fuoco sui migranti in caso di aggressioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli Stati Uniti negheranno asilo a chiunque entri negli Stati Uniti al di fuori dei punti di ingresso legali. Lo ha annunciato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha anche suggerito all'esercito di sparare sui migranti in caso di aggressione.

Il presidente ha dichiarato che alcuni migranti hanno lanciato "con perfidia e violenza" pietre contro la polizia messicana quando hanno attraversato il confine tra Guatemala e Messico. Se "vogliono lanciare pietre al nostro esercito, il nostro esercito risponderà", ha sottolineato. "Ho detto (ai soldati) di considerare questo (una pietra) come un fucile. Se loro (i migranti) lanciano sassi come hanno fatto alla polizia e all'esercito messicano, dico, consideratelo una pistola", ha detto il capo della Casa Bianca.

Trump ieri aveva dichiarato che, al confine con il Messico, potrebbero essere dispiegati fino a 15'000 soldati.

Le dichiarazioni di Trump arrivano a cinque giorni dalle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, cruciali per il controllo del Congresso, e mentre diverse "carovane" di migranti centroamericani si stanno dirigendo verso gli Stati Uniti. Il presidente, per mobilitare gli elettori, ha fatto del tema della migrazione e dell'identità bianca americana i temi centrali degli ultimi giorni della campagna. "È un'invasione", ha ribadito, annunciando che la prossima settimana, senza ulteriori dettagli, firmerà un decreto sull'argomento. Tuttavia, diversi esperti costituzionali hanno indicato che questa dichiarazione è contraria alla legge fondamentale degli Stati Uniti.

 

Il tema dell'immigrazione illegale è stato anche al centro di un comizio tenuto dal presidente ieri sera a Columbia, nello Stato del Missouri, dove Trump ha arringato la folla sul tema del "turismo delle nascite", ribadendo il suo intento di voler limitare il diritto costituzionale di cittadinanza per i bambini nati negli Stati Uniti da persone che non sono cittadini o che sono immigrati illegali.

ATS/M. Ang.

Condividi