Erdogan in lacrime domenica a Istanbul
Erdogan in lacrime domenica a Istanbul (©Keystone)

Turchia, quasi 300 morti

È il nuovo bilancio del tentato colpo di Stato fornito dal ministero degli affari esteri di Ankara - Tensioni a Istanbul e nell'Anatolia centrale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Più di 290 persone sono state uccise durante il tentato colpo di Stato avvenuto in Turchia nella notte fra venerdì e sabato. I feriti sono oltre 1'400.

Lo scrive in una nota il ministero degli Esteri di Ankara, precisando che più di 190 sono i civili e oltre 100 i militari golpisti uccisi. Nel comunicato le autorità precisano anche di non avere dubbi sul fatto che il tentativo di rovesciamento è stato messo in atto "dall'organizzazione terroristica” del predicatore musulmano che vive in esilio negli Stati Uniti Fethullah Gülen, grande avversario del presidente turco Recep Tayyp Erdogan.

Intanto il leader turco è scoppiato a piangere durante un discorso al funerale dell'amico e già consigliere per i media, Erol Olcak, ucciso dai militari golpisti sul ponte del Bosforo a Istanbul con il figlio 16enne, Abdullah. Le immagini sono state mostrate con enfasi sui media turchi.

Sempre nel tardo pomeriggio di domenica almeno undici soldati golpisti sono stati arrestati all'aeroporto Sabiha Gokcen, sulla sponda asiatica di Istanbul, dopo un tentativo di resistenza contro la polizia. Lo riferisce Haberturk. Altri scontri tra forze di sicurezza turche e militari golpisti che resistono all'arresto sono segnalati nella base militare di Konya, nell'Anatolia centrale. In questo caso il bilancio è di 7 arresti

ATS/ZZ/SP

Condividi