"OXI" (no). Ad Atene è partita la campagna per il no il 5 luglio (Keystone)

UE-Grecia, nel dubbio bordate

Tsipras: voto che lo vogliano o no – Valls: in caso di no il rischio di uscita dall’euro è reale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La decisione, da un lato, del Parlamento greco di autorizzare il voto del 5 luglio sulle riforme da attuare in cambio degli aiuti e l'avvio, dall'altro, della campagna a favore del no da parte del Governo Tsipras, hanno scatenato un inteso scambio di bordate a distanza tra Atene e le altre capitali. Per molti Governi europei l'uscita della Grecia dalla moneta unica da ipotesi è diventata una concreta possibilità anche se nessuno sa che conseguenze rischia di avere.

"Con una riposta negativa al referendum il rischio è reale" ha affermato domenica mattina ai microfoni di Europe 1-Télé-Le Monde il premier francese, Manuel Valls dicendosi, d’altro canto, convinto che "la BCE non taglierà i viveri ai greci". La Banca centrale oggi, domenica, deve decidere sui fondi d'emergenza per le banche greche in crisi di liquidità a causa dei prelievi massicci. Una corsa a svuotare i conti che, dopo quanto avvenuto nelle ultime ore, lunedì mattina rischia di esplodere.

Per Manuel Valls la legittimità del referendum greco non è però in discussione. Non così per altri leader europei. Ci sarà "che lo vogliano o meno i nostri partner" ha tuonato da Atene il primo ministro Alexis Tsipras. "Difenderemo la democrazia, la sovranità popolare e i valori fondamentali dell'Europa", ha dichiarato, citato dall'agenzia ANA, aggiungendo di non dover certo chiedere il permesso al ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schaeuble o al capo dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem di rivolgersi al popolo perché possa dire la sua nel paese dove è nata la democrazia.

Diem/ATS

Il nostro dossier:

 

Dal TG12.30:

Grecia, il giorno dopo

Grecia, il giorno dopo

TG 15:05 di domenica 28.06.2015

Condividi