Toccherà ora alla Commissione europea definire il quadro delle trattative (Keystone)

UE: al via i negoziati con Tirana e Skopje

I ventisette Paesi membri hanno approvato l’inizio delle trattative d’adesione per i due paesi balcanici

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I ministri con delega agli affari europei dell’UE hanno dato il via libera ai negoziati d’adesione per Albania e Macedonia del Nord. I ventisette ministri hanno annunciato la decisione martedì, in seguito a una riunione in videoconferenza, senza però fissare una data per l’apertura delle trattative.

La decisione, unanime, arriva dopo tre rinvii in due anni a causa delle resistenze di Francia e Olanda.

I ministri dei Paesi membri hanno sottolineato che Albania e Macedonia del Nord hanno fatto enormi progressi negli ultimi anni, grazie soprattutto a riforme strategiche richieste dall’Unione Europea nel campo dei diritti fondamentali, dello Stato di diritto, della democrazia, della giustizia e delle relazioni di vicinato.

Gli Stati membri più scettici all’allargamento, tra cui la Francia in primo luogo, chiedono tuttavia all’Albania di proseguire gli sforzi nella riforma giudiziaria, nella lotta alla corruzione, nel garantire il pluralismo dei media e un'azione più dura contro la migrazione irregolare.

Toccherà ora alla Commissione europea presentare il quadro dei negoziati con i due Paesi, che sarà regolato dal nuovo processo di allargamento proposto lo scorso febbraio dallo stesso esecutivo comunitario.

Con Albania e Macedonia del Nord, dopo Montenegro nel 2012 e Serbia nel 2014, i Paesi dei Balcani occidentali impegnati in colloqui d’adesione con l’Unione europea diventano quattro.

ATS/PSo
Condividi