Un addetto alla disinfestazione al lavoro davanti alla stazione di Milano Centrale
Un addetto alla disinfestazione al lavoro davanti alla stazione di Milano Centrale (Keystone)

Ulteriore giro di vite in Lombardia e Piemonte

Il bilancio continua ad aggravarsi, il governatore lombardo vieta qualsiasi attività sportiva all'aperto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nel giro di sole 24 ore la Lombardia ha dovuto far fronte a 546 decessi e 4'825 nuovi contagiati. Numeri inquietanti che hanno spinto le autorità lombarde ad un ulteriore giro di vite. Da domani infatti sarà vietato fare sport all'aperto, anche se praticato individualmente. La nuova ordinanza - valevole fino al 15 aprile - decisa dal governatore Attilio Fontana ordina la sospensione dell'attività degli Uffici Pubblici (a parte quelli legati a servizi essenziali), oltre alla sospensione delle attività artigianali non essenziali e dei mercati settimanali scoperti. Chiuse inoltre tutte le strutture ricettive e i cantieri edili, oltre ai distributori "h24". Rafforzato anche il divieto di assembramento in luoghi pubblici, punito ora con una multa fino a 5'000 euro.

Simili i provvedimenti presi anche in Piemonte. L'ordinanza firmata dal governatore Alberto Cirio vieta l'assembramento di più di 2 persone nei luoghi pubblici, mentre l'accesso agli esercizi pubblici sarà limitata ad una sola persona per nucleo famigliare.

Coronavirus, le cifre

Coronavirus, le cifre

TG 12:30 di sabato 21.03.2020

 
EBe
Condividi