Una pasta a prova di virus

In piena epidemia, chiuse in casa, le famiglie italiane si “aggrappano” alle loro tradizioni alimentari per ritrovare una normalità perduta

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Costretti dall'epidemia fra le mura domestiche, gli italiani vivono l'emergenza portando in tavola in particolare il loro cibo per antonomasia: la pasta.

La produzione nei pastifici del paese è praticamente raddoppiata ovunque, passando da una media di 400 tonnellate giornaliere a 800.

Gli stock però si assottigliano e gli ordini, in arrivo da tutto il mondo, sono triplicati. Impossibile far fronte alle richieste di tutti i clienti; per cui alcuni pastifici hanno introdotto una sorta di regime di razionamento.

fran

Condividi