L'Unione europea vuole costringere i giganti del web a pagare le tasse dove producono i profitti
L'Unione europea vuole costringere i giganti del web a pagare le tasse dove producono i profitti (keystone)

Una tassa per i giganti del web

La Commissione UE propone di far pagare ad aziende come Facebook e Google il 3% sui ricavi della pubblicità

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Commissione UE ha proposto una soluzione temporanea per costringere i giganti del web a pagare le tasse laddove producono profitti. Una tassa del 3% sui ricavi da vendita di spazi pubblicitari (come Google), cessione di dati (come Facebook) e attività di intermediazione tra utenti e business (come Uber), applicabile a società con un fatturato globale superiore a 750 milioni di euro ed uno europeo sopra i 50 milioni. Bruxelles stima introiti per almeno 5 miliardi all'anno.

La tassa "assicura che le attività che oggi non vengono tassate comincino a generare introiti immediati per gli Stati membri", spiega Bruxelles. E aiuta ad "evitare azioni unilaterali" che creerebbero un "patchwork di risposte nazionali che danneggerebbe il nostro mercato unico".

La tassa è indiretta, si applica ad alcuni tipi di ricavi ed è una misura temporanea, cioè vale fino a che non ci sarà una riforma complessiva che risolva una volta per tutte il problema delle grandi aziende digitali che sfuggono al fisco.

ATS/M. Ang.

Tassare i giganti del web

Tassare i giganti del web

TG 20 di mercoledì 21.03.2018

 
Condividi