Ancora ignote le motivazioni del gesto (Keystone)

Un'altra strage in California

Sette lavoratori agricoli cinesi sono stati uccisi nell'area di Half Bay Moon, a sud di San Francisco - Arrestato il sospetto sparatore

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A poche ore dalla strage nella sala da ballo di Monterey Park a Los Angeles, un uomo ha aperto il fuoco in due diversi luoghi e ucciso sette persone nell'area di Half Bay Moon, nella contea di San Mateo a sud di San Francisco. Il killer è sotto la custodia degli agenti, che lo hanno arrestato nel parcheggio di una stazione di polizia nelle vicinanze. Nel suo veicolo è stata trovava una pistola semiautomatica.

L'uomo è stato identificato nel 67enne Zhao Chunli e le vittime sono lavoratori agricoli cinesi. "È stato fermato senza problemi e l'arma recuperata. Non c'è alcuna minaccia per la comunità", afferma la polizia. Le due sparatorie sono avvenute nel primo pomeriggio di lunedì in fattorie non distanti l'una dall'altra. I motivi del gesto non sono ancora noti e la polizia sta indagando per cercare di fare luce sull'accaduto.

Per la California, lo Stato americano con le leggi sulle armi più dure, si tratta della seconda strage in poche ore. Dopo la sparatoria alla sala da ballo di Los Angeles, alcuni senatori democratici sono tornati alla carica presentando progetti di Legge per vietare le armi di assalto e innalzare a 21 anni l'età per l'acquisto di pistole e fucili. Iniziative che hanno incassato il plauso di Joe Biden. "Chiedo al Congresso di agire con urgenza e - ha messo in evidenza il presidente - far arrivare sulla mia scrivania il divieto delle armi d'assalto".

 
ANSA/AFP/YR
Condividi