Allarme anche in Europa per il misterioso virus proveniente dalla Cina (keystone)

Virus Cina, due casi in Francia

Il ministero della salute di Parigi: "Ce ne saranno altri". Pechino isola milioni di persone

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Due casi di coronavirus, i primi in Europa, sono stati confermati in Francia e il ministero della salute di Parigi avverte che, probabilmente, ce ne saranno altri. La ministra della Sanità, Agnes Buzyn, ha spiegato venerdì sera, alla televisione, che entrambi i pazienti sono rientrati dalla Cina, di cui almeno uno è originario. Sono ricoverati in isolamento in un ospedale di Bordeaux e in uno di Parigi. Il paziente di Bordeaux è stato in contatto con almeno 10 persone.

Un secondo caso verificato, nel frattempo, è stato annunciato negli Stati Uniti (dove sono state rafforzate le misure sulla sicurezza sanitaria); segnalazioni si sono avute in Giappone, Corea del Sud, Messico e Nepal.

Intanto le autorità cinesi hanno isolato 40 milioni di persone, decretando lo stop al turismo e ai trasporti pubblici, nel tentativo di contenere l'epidemia in 13 città. Molti degli eventi legati ai festeggiamenti del Capodanno lunare, che ricorre domani (sabato) sono stati annullati. Chiusi anche diversi siti turistici. La Cina ha inoltre ordinato a tutte le agenzie di viaggio di interrompere la vendita di tour interni e internazionali, con lo stop alla vendita di biglietti per i pacchetti turistici a partire da oggi.

Pechino ha disposto la chiusura anche di alcuni tratti della Grande Muraglia, mentre l'Esercito popolare di liberazione ha inviato 150 medici militari in piena notte a Wuhan, città focolaio del virus, su un aereo da trasporto truppe, in esecuzione di una specifica indicazione del presidente Xi Jinping.

In Cina i casi accertati di contagio del nCOV-2019 sono saliti a 897 e i morti si sono attestati a quota 26, secondo l'ultimo bollettino diffuso dal Governo. E mentre continuano a diffondersi segnalazioni in tutto il mondo, la mappa della Cina, tra le quasi 40 province, regioni e municipalità speciali che la compongono, ha soltanto il Tibet che resiste al contagio, a fronte dell'Hubei, la provincia di cui Wuhan è capoluogo, che raccoglie la metà circa dei contagiati e la quasi totalità dei decessi.

Coronavirus, continua l'espansione

Coronavirus, continua l'espansione

TG 12:30 di venerdì 24.01.2020

Coronavirus, ora ha un nome

Coronavirus, ora ha un nome

TG 20:03 di venerdì 24.01.2020

 
ATS/M. Ang.
Condividi