Regine Aeppli non si ricandiderà
Regine Aeppli non si ricandiderà (keystone)

Aeppli nel mirino della Procura

Il Ministero pubblico zurighese vuole indagare sul ruolo avuto dalla consigliera di Stato nel caso Mörgeli

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Procura zurighese ha nel mirino la consigliera di Stato Regine Aeppli. Giovedì sera è stata inoltrata una richiesta al Parlamento cantonale per avviare un’inchiesta penale a carico della ministra. Le violazioni sulle quali si vuole fare chiarezza sono quelle legate al caso Mörgeli e al sospetto abuso d’ufficio.

La domanda si basa sul rapporto della Commissione d'inchiesta del Gran Consiglio relativo al licenziamento dello storico e politico UDC Christoph Mörgeli. La Commissione di giustizia valuterà la domanda degli inquirenti. Si terrà conto delle conclusioni del rapporto secondo il quale Aeppli avrebbe suggerito all’allora rettore dell’Università di Zurigo di procedere all’allontanamento dell'ex conservatore del museo di storia della medicina Christoph Mörgeli.

La ministra respinge le accuse e precisa di aver solo invitato il responsabile dell’ateneo ad “agire in modo risoluto”. Il Consiglio di Stato zurighese in serata ha confermato la sua fiducia alla collega.

Red. MM/ATS

Condividi