Bruno Oberle, ex-direttore dell'Ufficio federale dell'ambiente
Bruno Oberle, ex-direttore dell'Ufficio federale dell'ambiente (keystone)

Berna si prepara per Parigi

La Svizzera precisa il suo impegno in vista della Conferenza sul clima nella capitale francese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Confederazione ha precisato venerdì, in conferenza stampa a Berna, le proprie posizioni in vista della Conferenza internazionale di Parigi sul clima, in programma a dicembre.

Al centro dei lavori, figureranno i finanziamenti destinati dopo il 2020 ai paesi poveri. Per la Svizzera, in materia di emissioni inquinanti, dovrà scomparire la distinzione fra paesi industrializzati e in via di sviluppo. Bruno Oberle, direttore dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha definito non più adeguata questa differenziazione, che consente ad esempio alla Cina di beneficiare dello stesso trattamento destinato a paesi come l'Etiopia.

Tutti gli Stati devono impegnarsi al rispetto di obiettivi chiari in funzione delle loro capacità e delle loro responsabilità, ha sottolineato Oberle. La Svizzera si schiera anche a favore dello sviluppo del meccanismo di compensazione in caso di danni climatici, introdotto tre anni fa a Varsavia.

ATS/ARi

 

 

 

Condividi