I motivi principali delle richieste sono tumori allo stadio terminale (pixabay)

Cresce l'aiuto al suicidio

Exit ha "accompagnato alla morte" 905 persone nel 2018 nella Svizzera tedesca e in Ticino, e il numero degli iscritti è aumentato del 12%

  • Ascolta
  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'organizzazione di assistenza al suicidio Exit Svizzera tedesca (alla quale fa capo anche il Ticino) ha "accompagnato alla morte" l'anno scorso 905 persone, 172 in più rispetto al 2017. Fra i motivi dell'incremento, l'organizzazione cita il costante aumento degli affiliati e l'invecchiamento demografico. Il numero di affiliati è salito a 120'117, con oltre 13'000 nuove adesioni.

Da undici anni a questa parte migliaia di nuovi membri aderiscono ogni anno alla "più grande organizzazione di autodeterminazione della Svizzera", scrive martedì Exit in una nota. Segno che la scelta di porre fine alla propria vita "rimane per la popolazione svizzera una forte esigenza, nonostante lo sviluppo della medicina palliativa".

Nel corso del 2018 Exit Svizzera tedesca ha ricevuto circa 3'600 richieste di accompagnamento alla morte. I casi che hanno portato all'apertura di un incarto sono stati 1'207, in crescita rispetto ai 1'031 casi dell'anno precedente.

Il 57% dei suicidi assistiti hanno riguardato donne e il 43% uomini. L'età media delle persone "accompagnate verso la morte" era l'anno scorso di 78,2 anni, con una leggera crescita rispetto ai 78,1 anni del 2017. I motivi principali delle richieste sono stati tumori allo stadio terminale (344 casi, +57), malattie legate alla vecchiaia (245 casi, +64) e patologie che provocano dolori cronici (75 casi, +22).

Il maggior numero di suicidi assistiti è stato registrato nel canton Zurigo. Seguono Berna, Argovia, San Gallo, Lucerna, Basilea Città e Basilea Campagna. Complessivamente il tasso di suicidi assistiti raggiunge l'1,5% dei circa 66'000 decessi che si registrano annualmente in Svizzera, scrive ancora Exit nella nota.

Incremento inferiore in Romandia

Nella Svizzera francese, i suicidi assistiti sono invece meno frequenti: 299 lo scorso anno, 13 in più del 2017.  Il numero di affiliati è passato negli ultimi due anni da 26'081 a 28'081. L'associazione romanda pubblicherà le cifre dettagliate il 27 aprile prossimo.

 
ATS/Bleff
Condividi