(Keystone)

Disoccupazione sotto al 2%, non succedeva dal 2001

In settembre il tasso di persone in Svizzera in cerca di un impiego e iscritte agli URC era dell’1,9%

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Disoccupazione sotto il 2% in Svizzera, per la prima volta dal 2001: in settembre il tasso dei senza lavoro si è attestato all'1,9%, in lieve calo rispetto al 2,0% di agosto e in flessione di 0,7 punti su base annua.

Stando ai dati diffusi oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) il numero delle persone senza impiego iscritte agli uffici regionali di collocamento (URC) è sceso a 89’526, in contrazione di 1'846 rispetto al mese prima e di 30'768 nel confronto con settembre 2021. Si tratta inoltre del numero più basso dal dicembre 2001, mentre per il tasso fa stato l'1,7% dell'ottobre dello stesso anno.

A titolo di confronto, nel momento più critico della pandemia (gennaio 2021) era stata sfiorata quota 170'000 disoccupati, con un tasso al 3,7%. Le quote di senza lavoro registrate dalla Seco sono comunque tradizionalmente basse: negli ultimi 20 anni il valore mensile più elevato è stato del 4,3%, osservato nel gennaio 2004. Va anche sottolineato come i dati sulla disoccupazione non tengano conto di coloro che hanno esaurito il diritto a ricevere le prestazioni e che ad esempio vivono di risparmi o si trovano a beneficio dell'assistenza.

Ticino più colpito, Grigioni molto meno

In Ticino nel mese di settembre appena archiviato il tasso dei senza lavoro si è attestato al 2,4% (invariato rispetto ad agosto, -0,4 su base annua), nei Grigioni allo 0,7% (+0,1 e -0,2). I cantoni romandi rimangono i più colpiti dalla disoccupazione, pur restando tutti ampiamente sotto la soglia psicologica del 4%. Con un tasso del 3,8% il primato negativo spetta a Ginevra; seguono Giura (3,5%), Vaud (3,1%) e Neuchâtel (2,8%), a cui si accoda poi Basilea Città (2,8%). Con un tasso dello 0,4%, Appenzello interno è invece il cantone con meno disoccupati. Il motore economico della nazione, Zurigo, è all'1,6%, meno della media nazionale.

Il Ticino è al sesto posto fra i più toccati dal problema, mentre i Grigioni sono al quinto rango nella graduatoria dei meno colpiti. In termini assoluti, da Airolo a Chiasso si contano 3999 disoccupati (+77 mensile, -664 annuo), mentre nel cantone con capoluogo Coira la cifra è di 722 (+84 e -271).

Tornando all'ambito nazionale, il tasso si attesta al 2,1% fra i giovani (15-24 anni), con rispettivamente una flessione di 0,1 punti (mese) e di 0,7 punti (anno). I lavoratori ultra 50enni sono all'1,9% (pure -0,1 e -0,7). I disoccupati di lunga durata (cioè quelli iscritti agli URC da oltre un anno) erano 17'076, il 5,9% in meno di agosto e il 47,0% in meno di dodici mesi prima: 138 giovani, 7659 25-49enni e 9197 ultra 50enni.

ATS/ludoC
Condividi