La concorrenza straniera non è autorizzata
La concorrenza straniera non è autorizzata (keystone)

Gioco d'azzardo: "Sì al blocco dei siti esteri"

I giudici di Mon Repos hanno stabilito che non vale il principio di libertà d'impresa, "tali siti non sono controllabili"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Tribunale federale conferma il blocco imposto a tre fornitori stranieri di gioco d'azzardo online, i quali non si possono appellare alla libertà di impresa contro tale misura, che i giudici ritengono appropriata.

In una sentenza pubblicata martedì, la seconda Corte d'appello ha sottolineato che tale principio di libertà economica dei ricorrenti non è applicabile, limitando l'offerta di gioco d'azzardo online agli operatori autorizzati e controllati in Svizzera. I giudici di Mon Repos hanno aggiunto che il blocco del DNS in rete era proporzionato e, anche se non è efficace al cento per cento, rende l'accesso più difficile e dovrebbe essere sufficiente a indirizzare i giocatori medi verso le offerte legali.

La concorrenza straniera non è consentita in questo campo a causa della mancanza di supervisione. Questa prassi è in linea con la giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) e con L'Associazione europea di libero scambio (EFTA).

 
ATS/sdr
Condividi