Immagine d'archivio
Immagine d'archivio (Keystone)

I transgender svizzeri chiedono le scuse di Maurer

Il consigliere federale è finito nell'occhio del ciclone per una dichiarazione rilasciata durante la conferenza stampa per le sue dimissioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'associazione Transgender Network Switzerland (TGNS) chiede le scuse del consigliere federale Ueli Maurer per una dichiarazione rilasciata durante la conferenza stampa per le sue dimissioni.

Rispondendo a una domanda su una possibile candidata alla sua successione, Maurer ha dichiarato: "Che sia uomo o donna, per me è uguale. Purché non si tratti di un 'Es' (pronome tedesco neutro che sta ad indicare anche una persona che non si definisce secondo un genere sessuale, ndr.)

"Questa affermazione può essere intesa solo nel senso che il consigliere federale Maurer nega qualsiasi competenza per questa funzione alle persone che non corrispondono alla sua concezione di donna e uomo", scrive l'associazione sul suo sito internet.

"Un'espressione di transfobia da parte di un alto funzionario del governo è assolutamente inaccettabile", prosegue TGNS chiedendo che Maurer si scusi con tutte le persone che ha ferito con la sua dichiarazione.

 
ATS/Red. MM
Condividi