I dimostranti hanno marciato anche dove il nigeriano Mike Ben Peter è morto nel marzo 2018 a seguito di placcaggio da parte della polizia locale (keystone)

In 800 contro la polizia violenta

A Losanna quasi un migliaio di persone ha risposto all'appello del collettivo Kiboko che, sull'onda di Black Lives Matter, chiede misure preventive

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Circa 800 persone hanno manifestato sabato a Losanna per denunciare la violenza della polizia. Riuniti in Place de l'Europe, hanno risposto all'appello del Collettivo Kiboko di Losanna, che porta avanti quattro richieste alle autorità di Losanna e Vaud per ottenere misure preventive contro la profilazione razziale e gli abusi della polizia.

"Stop alla violenza della polizia", "La polizia uccide", "Stop al razzismo", "Le nostre vite nere contano" o "Nessuna giustizia, nessuna pace", sono state le parole scritte sui cartelli dei partecipanti, tutti con la mascherina. Dopo un'ora di discorsi in francese e inglese, la folla si è poi spostata per una lunga processione fino alla stazione ferroviaria e poi di nuovo a Place Saint-François, sotto le grida di "Black Lives Matter".

"Giustizia per Mike"

I dimostranti hanno marciato vicino al luogo dove il nigeriano Mike Ben Peter è morto nel marzo 2018 a seguito di placcaggio da parte della polizia locale. Un grande striscione "Giustizia per Mike, Giustizia per tutti" è stato esposto davanti al corteo.

Il Collectif Kiboko è stato creato quest'estate ed è "composto da persone preoccupate dal razzismo e dalla precarietà anti-neri e da persone solidali", in collaborazione con altri collettivi e gruppi di solidarietà nel Canton Vaud. Il collettivo è sostenuto da una trentina di associazioni, collettivi e partiti.

La manifestazione era stata autorizzata ed è stata sorvegliata dalla polizia e scortata per tutto il tempo. Il corteo si è svolto pacificamente per circa due ore.

Le richieste

In particolare il collettivo chiede l'immediata sospensione dei sei poliziotti coinvolti nell'arresto e nella morte di "Mike". Chiede inoltre l'istituzione di un organismo per presentare denunce contro gli abusi della polizia e per monitorare le pratiche di polizia a Losanna, il divieto immediato della pratica pericolosa (considerata letale in alcuni paesi) del "placcaggio ventrale" e qualsiasi altra pratica pericolosa o umiliante. Si chiede inoltre la distribuzione sistematica di “ricevute” ad ogni controllo da parte della polizia di Losanna.

ATS/dielle
Condividi