Gli Stati hanno adottato il controprogetto all'iniziativa sulle cure infermieristiche (Keystone)

Infermieri, sì a controprogetto

Il Parlamento appoggia le misure tese a rivalorizzare la professione, approvando il compromesso alternativo all'iniziativa popolare

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La professione di infermiere sarà rivalorizzata. Dopo il Consiglio nazionale, giovedì  anche gli Stati hanno approvato all'unanimità il compromesso elaborato dalla conferenza di conciliazione sulla fatturazione delle cure. ll controprogetto indiretto all'iniziativa popolare "Per cure infermieristiche forti" è quindi pronto per le votazioni finali.

 

Sarà possibile per gli infermieri fatturare certe prestazioni, purché venga aggiunto nella legge un meccanismo per il controllo dei costi. Il Consiglio federale dovrà stilare una lista di cure che possono essere dispensate senza mandato medico. I fornitori di prestazioni e gli assicuratori dovranno concludere un accordo per monitorare il mercato.

Saranno prese inoltre misure correttive in caso di esplosione dei costi. Anche il Governo sostiene questa soluzione, ha affermato il "ministro" della Sanità Alain Berset. L'iniziativa popolare era stata lanciata nel 2017 nell'ottica di un miglioramento di condizioni di lavoro, formazione e competenze del personale infermieristico. Ma il testo è stato bocciato dalle Camere e dal Governo.

 
ATS/EnCa
Condividi