I contrari all'iniziativa temono che possa causare un aumento dei prezzi dei terreni e dei costi per gli affitti
I contrari all'iniziativa temono che possa causare un aumento dei prezzi dei terreni e dei costi per gli affitti (keystone)

"Iniziativa estrema e inutile"

Il comitato contrario motiva la bocciatura con i suoi contenuti eccessivi e "superflui", che impedirebbero lo sviluppo economico locale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'iniziativa contro la dispersione degli insediamenti dei Giovani Verdi è "estrema, superflua e inutile" e impedisce lo sviluppo economico in alcune regioni della Confederazione. Lo ha ribadito martedì a Berna il comitato di oppositori formato da esponenti del mondo economico elvetico.

Per il consigliere nazionale Fabio Regazzi (PPD/TI) il suo testo "non tiene conto delle differenze regionali a livello topografico, sociale ed economico". L'imprenditore ticinese ha quindi aggiunto che in caso di un sì alle urne il prossimo 10 febbraio "ci saranno soltanto perdenti, piccoli e grandi, e tra questi figurano pure i cittadini della Svizzera italiana".

 

"La Confederazione è un paese molto diversificato, dove ogni regione presenta preoccupazioni specifiche e deve rispondere a problematiche diverse. L'iniziativa impedisce la ricerca di soluzioni differenziate", ha indicato la consigliera nazionale Christine Bulliard-Marbach (PPD/FR), in qualità di presidente del Gruppo svizzero per le regioni di montagna.

Il testo "rappresenta un rischio enorme per la prosperità e il successo della Svizzera", ha invece sottolineato Leroy Bächtold, membro dei Giovani Liberali-Radicali e imprenditore zurighese, per il quale l'iniziativa porterebbe ad un aumento eccessivo dei prezzi dei terreni edificabili e dunque degli affitti.

ATS/EnCa
Condividi