Bellinzona
Bellinzona (archivio tipress)

Le città vogliono le rinnovabili al più presto

I centri urbani svizzeri chiedono incentivi per accelerare lo sviluppo delle energie alternative, anche a costo di compromessi sulla protezione del paesaggio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le città svizzere sono preoccupate per la minaccia di penuria di energia quest'inverno. Chiedono con urgenza incentivi per accelerare lo sviluppo dell'energia solare e delle reti urbane di teleriscaldamento, anche a costo di compromessi sulla protezione del paesaggio.

A corto termine, in caso di carenza di energia, l'Unione delle città svizzere (UCS) concorda sulla necessità di mettere in funzione centrali elettriche di riserva a gas o a olio combustibile, si legge in un comunicato diffuso oggi, giovedì. Ma solo come misura di emergenza, senza compromettere gli obiettivi climatici e l'obiettivo di emissioni di CO2 "nette zero" entro il 2050.

Elettricità, comuni pensano al risparmio

Elettricità, comuni pensano al risparmio

Il Quotidiano di mercoledì 05.10.2022

 

L'UCS evidenzia il grande potenziale dei progetti di energia solare e eolica in montagna. Accelerare la transizione energetica richiederà "compromessi in termini di protezione del paesaggio e quindi di pianificazione del territorio", sottolinea l'organizzazione che rappresenta gli interessi della Svizzera urbana. Tuttavia, puntualizza, è fuori questione il fatto di fare compromessi in materia di biodiversità.

La corsa al fotovoltaico

La corsa al fotovoltaico

Il Quotidiano di venerdì 23.09.2022

 

Concretamente, l'UCS vuole accelerare l'installazione di impianti fotovoltaici sui tetti attraverso incentivi finanziari. Per le reti termiche - spesso la sola alternativa per motivi di spazio, rumore o protezione dei monumenti - propone che la legge sul CO2 crei un "fondo di rotazione" finanziato dalla Confederazione.

 
ATS/Red.MM
Condividi