I cantoni più urbanizzati a favore della legge sul CO2, ma la maggioranza è delle "campagne" (RSI)

Legge CO2 respinta sul filo di lana

Votazioni federali: suspense fino all'ultimo - Chiari gli altri quattro risultati: bocciate le iniziative agricole, sì a Covid e misure antiterrorismo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il sostegno ottenuto a Ginevra, Vaud, Neuchâtel, Basilea Città e Zurigo non ha permesso alla Legge sul CO2 di superare l'ostacolo delle urne. Il testo è stato respinto con uno scarto di 103'000 e rotti voti in virtù dell'opposizione che ha suscitato nella maggioranza dei cantoni (Ticino e Grigioni compresi) che si sono espressi contro il compromesso uscito dal Parlamento per ridurre le emissioni di sostanze inquinanti e lottare contro il riscaldamento climatico con il sostegno di tutti i partiti, ad eccezione dell'UDC.

Modem: edizione del 14.6.2021
Modem: edizione del 14.6.2021
 

I sostenitori della proposta, dati in vantaggio fino alla vigilia, sono stati il 48,4%. I contrari il 51,6%, con grande soddisfazione per i due comitati referendari. Il primo, composto da rappresentanti dell'industria automobilistica, dei trasporti, dell'aviazione, dell'edilizia, del petrolio e della politica, metteva in guardia contro il rischio di più burocrazia, più divieti e soprattutto nuove tasse. Il secondo era formato da ambientalisti, principalmente romandi, che ritenevano la normativa troppo timida per lottare efficacemente contro il riscaldamento climatico.

Speciale votazioni

Speciale votazioni

In tempo reale i risultati di questa domenica di votazioni federali, con collegamenti, reazioni e analisi.

 

La suspense è durata fino al tardo pomeriggio poiché l'annuncio dei risultati delle votazioni a Zurigo ha tardato fino alle 17.40. Per gli altri oggetti i giochi, in parte contro le attese, erano già fatti da ore essendo chiaro praticamente fin da mezzogiorno che le iniziative antipesticidi sarebbero state bocciate (entrambe hanno ottenuto poco più del 37% di sì), che la legge Covid-19 sarebbe stata approvata (ha ottenuto quasi il 60% di voti a favore con otto cantoni contrari) così come le nuove misure di polizia per lottare contro il terrorismo (i voti contrari sono stati il 43%).

Basilea Città la pensa diversamente
Basilea Città la pensa diversamente (RSI)

A smarcarsi nel panorama nazionale domenica è stato il canton Basilea Città che, unico in tutto il paese, ha approvato le iniziative agricole. Ma non solo. I cittadini votanti dell'agglomerato renano sono stati anche quelli che hanno sostenuto più massicciamente la Legge sul CO2 e gli unici ad opporsi alla nuova legge sul terrorismo.

 
Diem
Condividi