Lo svapo tra boom e dubbi

La sigaretta elettronica si diffonde anche in Svizzera. Secondo gli specialisti è al 95% meno dannosa del fumo, ma...

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'avvio della vendita di liquidi contenenti nicotina e l'arrivo del gigante americano dello svapo Juul a Zugo hanno fatto sì che quest'anno la sigaretta elettronica sia stata una dei temi più dibattuti in Svizzera.

Fino al momento in cui i liquidi con nicotina erano vietati, la sigaretta elettronica aveva solo una clientela di nicchia nella Confederazione. La situazione è cambiata rapidamente alla fine di aprile con la decisione del Tribunale amministrativo federale che ha autorizzato con effetto immediato l'importazione e la vendita di flaconi contenenti tale composto, in attesa della nuova legge sul tabacco.

In Svizzera ci sono 1,78 milioni di fumatori adulti. Ai non fumatori viene chiaramente sconsigliato, mentre per i fumatori della sigaretta classica lo svapo può rappresentare un'alternativa, poiché secondo gli specialisti è al 95% meno dannoso del fumo.

Si tratta di un modo per consumare nicotina senza inalare la maggior parte dei prodotti tossici contenuti nelle sigarette a combustione. Tuttavia, le conseguenze a lungo termine sulla salute, non sono ancora note.

ats/joe.p.

Condividi