Novanta tavoli apparecchiati... ma senza clienti (keystone)

Losanna, la protesta dei ristoratori

Manifestazione nella capitale vodese per chiedere una presa di coscienza sulle difficoltà del settore a causa della pandemia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una novantina di tavoli apparecchiati ma senza clienti, è la modalità con cui i gerenti dei locali in Place Saint-François a Losanna hanno deciso di lanciare il loro grido di allarme. “Siamo disperati”, dicono reclamando un aiuto immediato dalle autorità. Uniti dallo slogan #quivapayerladdition oltre 200 ristoratori e addetti del settore erano presenti sotto l’occhio vigile delle forze dell’ordine, divisi in piccoli gruppi per rispettare le misure.

“I tavoli vuoti simboleggiano la crisi e la tristezza di queste chiusure”, ha detto Frédérique Beauvois, del birrificio Montbenon. “Chiediamo una presa di coscienza in merito alle spese che dobbiamo affrontare”.

"Affitto commerciale, oneri sociali, assicurazioni, tasse, tasse, manutenzione e costi di manutenzione, alcuni andranno in bancarotta entro novembre", ha avvertito poi Antoine Pigue, proprietario di due locali. "Il grosso problema è immediato: è a novembre e dicembre, il 13 ° stipendio", ha aggiunto Gilles Meystre, presidente di GastroVaud.

ATS/Bleff
Condividi