Cambia il profilo degli europei che vengono in Svizzera per lavorare
Cambia il profilo degli europei che vengono in Svizzera per lavorare (keystone)

Migranti europei in calo

Sono però aumentati quelli meno qualificati, indicano i dati per il 2015 e l'inizio del 2016

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'immigrazione proveniente dai paesi dell'Unione Europea, complice la forza del franco, è diminuita sia nei primi mesi di quest'anno che nel corso dei 12 precedenti. E' però lievitato il numero di lavoratori poco qualificati, meno pagati e più vulnerabili di fronte a una situazione di mercato deteriorata, in arrivo soprattutto dal sud (43% nel 2015) e dall'est (22%) del continente.

Il saldo con i Ventotto, comunque positivo, è stato di 47'800 individui nel 2015, 3'000 in meno facendo il confronto col 2014; una tendenza che s'è accentuata tra il gennaio e l'aprile di quest'anno.

Per quanto concerne i frontalieri, è nuovamente apparso che il loro salario lungo l'Arco giurassiano e in Ticino è mediamente inferiore del 6% a quello dei residenti. Una constatazione che deve spingere chi di dovere a vegliare sul rispetto di condizioni di lavoro adeguate.

Sono le conclusioni del rapporto dell'Osservatorio sulla libera circolazione delle persone, pubblicate martedì dalla Segreteria di Stato dell'economia.

ATS/dg

Dal TG20:

Dal TG12.30:

Condividi