Tutte le reclute e tutti i quadri vengono sottoposti al test nel corso della prima settimana di servizio (Keystone)

Misure di protezione per i nuovi militi

La scuola reclute del 2022 si svolgerà in parte da casa e all’entrata in servizio verrà richiesto un test Covid per evitare eventuali contagi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La scuola reclute del 2022, che è iniziata oggi, lunedì, in Svizzera, sarà segnata da severe misure di protezione. Per ragioni sanitarie legate al Covid, infatti, parte dei militi verrà istruita da casa durante le prime tre settimane, per evitare eventuali contagi.

Tutte le reclute e tutti i quadri vengono sottoposti al test nel corso dei primi giorni di servizio e dovranno trascorrere almeno il mese di gennaio nelle caserme per proteggere se stessi e la loro cerchia privata.

 

Lunedì sono entrati in servizio in presenza circa due terzi delle reclute. In una seconda fase, il 31 gennaio, seguirà il restante terzo. Le persone risultate positive al test Covid-19 non entrano in servizio e, se lo stato di salute lo consente, iniziano anche loro l'istruzione in modalità distance learning.

Tra le reclute attese vi sono 240 donne, che hanno deciso di indossare la divisa volontariamente. Ciò corrisponde a una quota del 3,1%, in crescita per il terzo anno consecutivo.

ATS/Gis
Condividi