La polizia bernese ha controllato il trasferimento dei voti per corrispondenza
La polizia bernese ha controllato il trasferimento dei voti per corrispondenza (keystone)

Moutier è giurassiano

Gli elettori del comune hanno deciso, con 2'114 voti contro 1'740, di lasciare il canton Berna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Moutier, con i suoi 7400 abitanti, diventerà parte del Giura. Dopo una votazione molto seguita, l'elettorato ha deciso, con 374 voti di scarto (2'114 contro 1'740), di lasciare il cantone di Berna. Il risultato è stato annunciato alle 18.00 di domenica, un'ora dopo il previsto. Jean-Christophe Geiser, capo degli osservatori federali, ha parlato di un risultato "molto chiaro".

Il risultato odierno dovrà in ogni caso ancora essere confermato. Fino a ieri si rincorrevano voci di problemi nel registro di voto, soprattutto attorno all'annosa questione dei domicili fittizi. Un problema già emerso nel 2017.

Il sì a Moutier non porterà a nessun cambiamento territoriale immediato. Il trasferimento avverrà al termine di un processo ben definito. Un calendario formale non è ancora stato deciso. L'integrazione della città non è prevista per diversi anni.

A causa della pandemia, la campagna di voto si è svolta soprattutto sui social media. Gli argomenti tirati in ballo da favorevoli e contrari sono stati gli stessi del 2017. I separatisti hanno sottolineato le migliori prospettive di sviluppo per la città grazie all'integrazione nel Giura, mentre i favorevoli allo statu quo hanno messo in guardia da problemi soprattutto di natura economico-finanziaria in caso di distacco.

La situazione sanitaria tesa ha condizionato anche la giornata odierna. Il municipio ha vietato per precauzione ogni manifestazione e diviso la città in due: da una parte i separatisti e, dall'altra, i pro-bernesi. A tenere d'occhio il tutto un contingente di agenti di polizia, con cani, che ha pattugliato la cittadina.

Sono passati 4 anni da un voto che ha lasciato parecchi strascichi. Nel 2017 i separatisti pro-giurassiani avevano vinto per soli 137 voti di scarto ma il voto era poi stato annullato per irregolarità... gravi lacune organizzative, propaganda esagerata, turismo elettorale.

Per la ripetizione del voto, e per soffocare sul nascere recriminazioni, la consultazione odierna è stata oggetto di un'analisi e preparazione meticolosa, con la Confederazione a fare da paciere e garante del buon svolgimento dell'operazione. La Confederazione, questa volta, ha deciso di rafforzare i controlli. Ai 6 osservatori federali (come in occasione del primo voto) sono stati aggiunti 10 impiegati dell'Ufficio federale di giustizia (UFG). Sono stati preparati bollettini di voto a prova di falsificazione, mentre lo spoglio è stato seguito da vicino da funzionari federali.

Moutier è un caso particolare. Nei plebisciti del 1974 e 1975, che portarono alla creazione del cantone del Giura, la città di Moutier scelse di rimanere nel cantone di Berna. Ma da diversi decenni, l'elettorato elegge autorità autonome.

Moutier, si torna a votare

Moutier, si torna a votare

TG di sabato 27.03.2021

Moutier ha scelto il Giura

Moutier ha scelto il Giura

TG di domenica 28.03.2021

Maudet fuori, entra Fischer

Maudet fuori, entra Fischer

TG di domenica 28.03.2021

Le considerazioni da Ginevra

Le considerazioni da Ginevra

TG di domenica 28.03.2021

 
Condividi