L'iniziativa sulla giustizia è uno dei tre oggetti sui quali saremo chiamati a pronunciarci per le ultime votazioni federali del 2021 (keystone)

"No" a giudici federali su sorteggio

Karin Keller-Sutter espone le argomentazioni del Governo contro l'iniziativa in votazione il prossimo 28 novembre

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Non c'è bisogno di sorteggi per designare i giudici del Tribunale federale (TF): il sistema vigente è collaudato e l'elezione dei magistrati è democratica e trasparente. Con queste argomentazioni, Karin Keller-Sutter ha lanciato oggi, lunedì, la campagna del Governo contro l'iniziativa popolare sulla giustizia, sottoposta al popolo per le votazioni del prossimo 28 novembre.

La procedura indicata dal testo è inappropriata e determinante sarebbe il caso, ha spiegato la consigliera federale durante una conferenza stampa a Berna. E il caso, ha sottolineato, non sceglie necessariamente le persone più competenti, ma quelle che hanno fortuna.

Karin Keller-Sutter ha illustrato in conferenza stampa la posizione contraria dell'Esecutivo
Karin Keller-Sutter ha illustrato in conferenza stampa la posizione contraria dell'Esecutivo (keystone)

Attualmente l'elezione dei giudici del TF è prerogativa del Parlamento. Il testo in votazione prevede invece un'elezione tramite sorteggio, l'impossibilità della rielezione e la cessazione del mandato dei giudici 5 anni dopo l'età ordinaria del loro pensionamento. Sulla partecipazione al sorteggio deciderebbe una commissione indipendente nominata dal Consiglio federale. Sempre in base a questa proposta di modifica costituzionale, le lingue ufficiali dovrebbero essere equamente rappresentate.

Il sistema in vigore, sostiene invece la ministra della giustizia, assicura un'equa rappresentanza delle "varie correnti sociali e delle posizioni politiche in seno al TF", poiché il Parlamento considera la forza elettorale dei partiti.

 
Red.MM/ARi
Condividi