Per ora nessun coprifuoco

Il Consiglio federale rinuncia (per ora) a imporre un divieto di uscire, ma vieta i gruppi di oltre 5 persone - Pacchetto da 32 miliardi per l'economia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Consiglio federale ha deciso per il momento di non imporre il divieto di uscita alla popolazione, così da frenare la diffusione del coronavirus. Nella sua seduta di venerdì ha tuttavia stabilito norme più severe per il "social distancing": gruppi di più di cinque persone sono vietati e potranno essere multati (100 franchi di ammenda a persona), ha annunciato Alain Berset.

Inoltre si insiste con i cantoni affinché facciano rispettare le norme di igiene all'interno dei negozi (da Migros e Coop gli ingressi sono già contingentati) e delle imprese: anche nell'edilizia e nell'industria chi non risulterà in regola sarà costretto a chiudere. Nell'ordinanza COVID-19 il Consiglio federale ha anche vietato gli interventi non urgenti negli ospedali e autorizzato i fornitori di servizi postali a consegnare alla popolazione sette giorni su sette i generi alimentari e gli oggetti d'uso quotidiano ordinati su internet.

 

"Andate in banca, riceverete un credito"

Il Governo ha deciso inoltre di aumentare gli sforzi a sostegno dell'economia, varando un pacchetto da 32 miliardi di franchi in aggiunta ai 10 già stanziati. Si prevede che decine di migliaia di aziende ricorrano a questo aiuto nelle prossime ore e nei giorni: potranno -ha detto Guy Parmelin -  rivolgersi direttamente alle banche, la Confederazione farà da garante per un credito fino a 500'000 franchi. Per somme superiori, gli istituti di credito si assumeranno il 15% del rischio. I mezzi ci sono, ha garantito il responsabile delle finanze Ueli Maurer.

Fra le altre misure economiche, ce ne sono anche per sport, cultura e turismo, figura la possibilità per le imprese di chiedere il lavoro ridotto anche per gli apprendisti, così che non sia a rischio il loro tirocinio.

Per fornire appoggio alle autorità civile, il Consiglio federale ha inoltre deciso che oltre all'esercito interverrà anche la protezione civile. L'Esecutivo ha messo a disposizione dei Cantoni un contingente di al massimo 850'000 giorni di servizio.

 

pon
Condividi