Svizzeri un po' più poveri
Svizzeri un po' più poveri (©Ti-Press)

Periferie svizzere in degrado

Viaggio dell'RG tra le realtà più degradate della Svizzera dove, secondo l'UST, 234'000 bambini sono a rischio povertà

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un recente rapporto dell’Ufficio federale di statistica ha evidenziato che in Svizzera vi sono 234'000 bambini e adolescenti a rischio povertà. Una cifra elevata, paragonabile al numero di abitanti di Lugano e Basilea.

Percentualmente parlando, dai dati raccolti è emerso che nella Confederazione il 16% dei minorenni vive in un contesto di precarietà economica e anche sociale. Stando all’indagine, inoltre, il 20% di questi ragazzi abita in quartieri periferici, in un contesto segnato da criminalità e vandalismo.

Per meglio capire questa realtà, il radiogiornale ha trasmesso nei giorni scorsi una serie di approfondimenti, che vi proponiamo di seguito, visitando proprio le periferie di alcune città svizzere e scoprendo, con stupore, che a volte disagi e marginalità sono molto più vicine a noi, di quanto si pensi.

Lunedì 13 febbraio 2017

Gianluca Olgiati ha visitato il quartiere di Schwamendingen, a nord di Zurigo. Considerata la classica periferia zurighese, attraversata dall’autostrada e con un livello degli affitti tra i più bassi della città, Schwamendingen ha una quota di stranieri superiore al 40%. Povertà e disagio sociale qui sono una realtà quotidiana per molti giovani e per molte famiglie, ma numerose sono anche le offerte e le iniziative pubbliche e private in loro favore. Il reportage di Gianluca Olgiati.

I mille volti della Svizzera
I mille volti della Svizzera (keystone)

Martedì 14 febbraio 2017

Anna Maria Nunzi ha fatto tappa a Basilea, città ricca e florida. Dove ci sono però sempre più senza tetto. Per strada se ne vedono pochi, eppure attualmente sono più di 400 le donne e gli uomini che non hanno una dimora fissa. Quattro anni fa non erano nemmeno cento. Dalla città renana il reportage di Anna Maria Nunzi.

City Angels in azione
City Angels in azione (©Ti-Press)

Mercoledì 15 febbraio 2017

Luca Beti ha visitato Bienne, una realtà bilingue di operai, dove è stata aperta di recente una casa di quartiere, punto di incontro per persone anziane, stranieri e giovani, ma anche luogo dove chiedere aiuto. Nella città il tasso di casi di assistenza sociale è il più alto della Svizzera.

Una mano tesa
Una mano tesa (©Ti-Press)

 

Giovedì 16 febbraio 2017

Gabriele Fontana si è soffermato a Ginevra. In un quartiere dove non ne vogliono proprio sapere di essere definiti "quartiere dormitorio".

Ginevra
Ginevra (keystone)
 

Venerdì 17 febbraio 2017

Anna Maria Jannuzzi conclude il tour svizzero facendo tappa a Lugano, per parlare di programmi occupazionali e di lotta alla disoccupazione.

Lugano
Lugano (©Ti-Press)
 

bin

Condividi