Alain Berset durante la conferenza nazionale contro la povertà (keystone)

Povertà, "bilancio positivo"

Presentati a Berna i risultati del programma nazionale. In Svizzera 615'000 persone guadagnano meno di 2'247 franchi al mese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il programma nazionale di prevenzione e di lotta alla povertà ha permesso di realizzare proposte innovative e di rafforzare la collaborazione fra coloro che operano in questo campo. È quanto sottolineato venerdì a Berna in occasione della giornata dedicata a questo tema, alla quale ha partecipato anche il presidente della Confederazione Alain Berset.

Lotta alla povertà in Svizzera

Lotta alla povertà in Svizzera

TG 12:30 di venerdì 07.09.2018

 

Alla luce del tasso di indigenza attuale del 7,5%, i partecipanti al progetto considerano che la necessità di debellare la povertà non sia scomparsa. “È un problema sociale serio, che compromette sia le prospettive di vita delle persone toccate, sia la coesione della società”, hanno precisato.

In Svizzera, nel 2016, 615'000 individui vivevano al di sotto della soglia di povertà; soglia che per una persona sola equivale a uno stipendio di 2'247 franchi al mese e a 3’981 per una famiglia di due adulti e due bambini.

Il programma, dal 2014 al 2018, poteva contare su un finanziamento federale pari a 9 milioni di franchi. Per il prossimo quinquiennio, però, il budget verrà drasticamente ridotto a 2 milioni; una decisione criticata da Caritas Svizzera, che ha accusato la Confederazione di distanziarsi troppo dalla lotta alla povertà.

ATS/MarGù

Il Ticino é il cantone più povero

Il Ticino é il cantone più povero

Il Quotidiano di venerdì 07.09.2018

Condividi