Un'immagine scattata sabato mattina a Berna (©Keystone)

Proteste a nord delle Alpi

Diverse centinaia di persone sono scese in piazza per manifestare il loro dissenso contro i divieti imposti dal Consiglio federale per lottare contro la pandemia di coronavirus

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Almeno duecento persone hanno manifestato sabato mattina a Berna e a San Gallo contro i divieti imposti dal Consiglio federale per lottare contro la pandemia di coronavirus. A Berna a polizia ha utilizzato altoparlanti per invitare il centinaio di manifestanti a disperdersi, molti dei quali hanno risposto con fischi. Già la scorsa settimana le forze dell’ordine erano intervenute per stroncare sul nascere una manifestazione non autorizzata su piazza federale.

Scena simile a San Gallo dove un'ottantina di persone ha sfidato l'ordinanza Covid-19, che vieta gli incontri e prevede una distanza di due metri. La polizia ha disperso pacificamente la folla e registrato le generalità di 12 presenti. Per loro potrebbe essere spiccata una denuncia per violazione del regolamento Covid-19 e dell'obbligo di autorizzazione.

Nel pomeriggio, tra le 100 e le 200 persone si sono radunate anche in piazza Sechseläuten a Zurigo. Anche la polizia era presente in forze, ha detto un portavoce delle autorità. A Basilea una dimostrazione con circa 100 partecipanti si è svolta sempre nel primo pomeriggio. Avvicinati dalle forze dell'ordine, i dimostranti si sono dispersi da soli senza incidenti, ha riferito un portavoce.

ATS/Notiz./SP
Condividi