Un container al porto di Basilea-Kleinhueningen
Un container al porto di Basilea-Kleinhueningen (keystone)

Record di esportazioni elvetiche

Superati per la prima volta i 60 miliardi in un trimestre grazie soprattutto al comparto chimico-farmaceutico

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nuovo record per le esportazioni svizzere, che nel secondo trimestre hanno superato per la prima volta i 60 miliardi di franchi sull'arco di tre mesi, grazie ancora una volta al traino del comparto chimico-farmaceutico

Il rapporto dell'AFD
Il rapporto dell'AFD

È quanto emerge dai dati pubblicati martedì dall'Amministrazione federale delle dogane (AFD) (clicca qui per leggere il rapporto).

In aprile, maggio e giugno l'export si è attestato a 60,5 miliardi di franchi, in progressione del 3,2% rispetto al periodo gennaio-marzo, mentre le importazioni hanno raggiunto 48,9 miliardi, in aumento del 3,8%.

Le variazioni indicate sono nominali: in termini reali (cioè corrette dell'effetto dei prezzi) i rispettivi incrementi sono stati di +1,0% e +1,2%. La bilancia commerciale si chiude così con un'eccedenza 11,5 miliardi di franchi, una cifra mai registrata prima.

Si tratta del quarto aumento trimestrale consecutivo dopo il crollo dovuto allo scoppio della crisi del coronavirus.

Import ed export: i settori

Nel confronto con il primo trimestre i vari settori d'esportazione hanno mostrato andamenti non univoci. Quello di gran lunga più importante, la chimica-farmaceutica, segna (a livello nominale) +4,7% (a 31,6 miliardi di franchi), con 527 milioni in più (a 11,0 miliardi) per i soli prodotti immunologici; seguono le macchine e l'elettronica, l'orologeria, gli strumenti di precisione (+3,1% a 4,3 miliardi), i metalli (+5,7% a 3,7 miliardi) e le derrate alimentari (+2,0% a 2,3 miliardi).

Import ed export: le regioni

A livello regionale, il continente più importante per i prodotti con il marchio elvetico rimane l'Europa, in cui la Germania è il principale paese di sbocco dell'export, (+3,6% a 11,3 miliardi). In flessione sono invece l'Asia, con la Cina in netto arretramento (-14,0% a 3,7 miliardi), e il Nordamerica.

Relativamente alle importazioni, al primo posto si trova sempre l'Europa, seguita da Asia e Nordamerica. Di rilevanza assai minore per il commercio estero elvetico sono gli altri tre continenti, vale a dire America Latina, Africa e Oceania).

 
ATS/Bleff
Condividi