Gli aventi diritto sarebbero circa 4'400 all'anno
Gli aventi diritto sarebbero circa 4'400 all'anno (keystone)

Rendita ponte oltre i 60 anni

Stati favorevoli a un aiuto per chi non ha più diritto alla disoccupazione in vista del pensionamento, ma riducono le prestazioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Seppur d'accordo con l'idea di attribuire una prestazione transitoria fino al pensionamento per le persone di oltre 60 anni che non hanno più diritto alla disoccupazione, il Consiglio degli Stati ha inasprito oggi le condizioni per accedere a questo aiuto, in particolare tagliando sulle somme destinate a queste persone. La legge è stata approvata al termine di un lungo dibattito per 33 voti a 11.

Rendita ponte per gli ultrassessantenni

Rendita ponte per gli ultrassessantenni

TG 12:30 di giovedì 12.12.2019

 

Il disegno di legge del Governo, che gode dell'appoggio dei cantoni e delle istituzioni dell'aiuto sociale, è pensato per le persone che perdono il lavoro poco prima della pensione (licenziamento a partire dai 58 anni). Per poter far parte della cerchia ristretta dei beneficiari, bisogna essere stati assicurati all’AVS per almeno un ventennio e aver guadagnato almeno 21'330 franchi all'anno per almeno dieci dei 15 anni immediatamente precedenti l'esaurimento del diritto. Le persone sole non possono disporre di una sostanza superiore a 100'000 franchi; le coppie sposate ai 200'000 franchi.

In fatto di entità delle prestazioni, il plenum ha seguito le proposte di minoranza: 38'900 franchi invece di 58'350 al massimo per le persone sole e 58'350 franchi al posto di 87'525 per le coppie sposate.

La maggioranza ha inoltre deciso di limitare il pagamento della prestazione transitoria fino a quando il beneficiario ha diritto ad andare in pensione anticipatamente.

Secondo le stime governative, gli aventi diritto a una prestazione transitoria saranno circa 4’400 all'anno. I costi previsti ammontano a 30 milioni di franchi per il 2021, dopodiché dovrebbero salire progressivamente, fino ad arrivare a circa 230 milioni nel 2030. In compenso, prestazioni complementari (PC) e aiuto sociale potranno risparmiare diverse decine di milioni.

 

ATS/sf
Condividi