Annullata da metà dicembre l’attribuzione anticipata di richiedenti l’asilo ai Cantoni
Annullata da metà dicembre l’attribuzione anticipata di richiedenti l’asilo ai Cantoni (Keystone)

SEM: "Posti per l'asilo sufficienti"

La Segreteria di Stato della migrazione non attribuirà più anticipatamente ai Cantoni i richiedenti la cui procedura non è ancora conclusa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A partire da metà dicembre la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) non attribuirà più anticipatamente ai Cantoni i richiedenti l’asilo la cui procedura non è ancora conclusa. Nei centri federali d’asilo è di nuovo disponibile un numero di posti letto sufficiente per accogliere i richiedenti appena arrivati.

La SEM ha basato le proprie pianificazioni su un numero elevato di domande d'asilo nel 2022, pertanto, negli ultimi mesi ha aumentato il numero di posti letto nelle proprie strutture ricettive, portandolo da 5'000 a oltre 9'000, mentre il flusso di domande di asilo arriva anche ad 800 a settimana. Questo portava ad un veloce esaurimento dei posti letto portando la Confederazione a fine ottobre 2022, a titolo provvisorio, ad attribuire i richiedenti l'asilo ai Cantoni in una fase procedurale più precoce di quanto previsto dal normale iter.

Questa misura straordinaria, attuata con efficienza dai Cantoni, si dimostra efficace e la SEM è tuttora in grado di accogliere tutti i richiedenti l'asilo e le persone in provenienza dall'Ucraina che chiedono protezione in Svizzera. Tale risultato, spiegano dalla SEM, lo si deve anche all'ulteriore velocizzazione delle procedure d'asilo e all'impiego di specialisti supplementari per il trattamento delle domande d'asilo, ma anche al sostegno dell'Esercito che mette diverse strutture supplementari a disposizione. Grazie a questi apporti, i centri federali d'asilo dispongono nuovamente di un numero sufficiente di posti letto per alloggiare i richiedenti l'asilo per l'intera durata della procedura. Pertanto, dal 16 dicembre non saranno più assegnati anzitempo ai Cantoni i richiedenti la cui procedura è ancora in corso, fatto salvo per i richiedenti l'asilo oggetto di una decisione di allontanamento, che continueranno a essere attribuiti ai Cantoni prima dello scadere della durata di soggiorno minima di 140 giorni nei centri federali d'asilo. La misura, tuttavia, riguarda un numero abbastanza esiguo di persone.

I numeri delle richieste

Nel mese di ottobre la SEM ha registrato 3'208 nuove domande d'asilo, ossia il valore mensile più alto dall'inizio del 2016. In novembre si prospetta un numero di domande analogo. Complessivamente, alla fine dell'anno le domande d'asilo dovrebbero essere circa 24'500. In parallelo, ogni mese tra le 2'600 e le 3'000 persone fuggite dall'Ucraina chiedono lo statuto di protezione S.

 
Red.MM/sdr
Condividi