Gli inquirenti sono ancora all'opera per ricostruzione con precisione l'accaduto (KapoSO)

Sconvolta una famiglia ticinese

Le due bambine uccise a Gerlafingen erano figlie di una coppia trasferitasi Oltralpe per motivi professionali – La madre è stata arrestata

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La morte di due bambine scoperta sabato mattina in una casa di Gerlafingen ha profondamente colpito tutta la località solettese ma anche numerose persone in Ticino. I genitori delle ragazze, entrambe in età scolare, come confermato alla RSI, sono infatti due ticinesi che avevano lasciato la loro terra d’origine per motivi professionali. La famiglia, stando a quanto riferito dai media d’Oltralpe, manteneva ancora stretti legami con il sud delle Alpi e in particolare l'Alto Ticino dove tornava per le vacanze.

La madre è sospettata di aver ucciso le figlie ed è stata arrestata. Subito le autorità solettesi hanno attivato gli specialisti per fornire aiuto psicologico alle persone colpite più da vicino. Il comune e le autorità scolastiche hanno assicurato un sostegno specialistico per affrontare il lutto anche ai compagni e agli insegnanti delle due bambine.

Prima di stabilirsi nella casa plurifamiliare teatro del dramma a Gerlafingen pochi mesi fa, la famiglia a lungo aveva abitato nel comune bernese di Meinisberg. Stando ai vicini e ai media locali i genitori si erano separati.

Un dramma che tocca anche il Ticino

Un dramma che tocca anche il Ticino

Il Quotidiano di lunedì 18.01.2021

 
RED. MM
Condividi