La sede del Tribunale federale, a Losanna (Keystone)

Scuola a casa non è un diritto

I giudici del TF bocciano il ricorso di una madre che aveva fatto una domanda d'insegnamento privato a domicilio, bocciata a Basilea

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I genitori di bambini in età scolastica non hanno il diritto costituzionale di educare i figli esclusivamente con corsi privati a domicilio. Il Tribunale federale (TF) ha respinto il ricorso di una madre basilese, ribadendo come sul tema la competenza sia dei cantoni, che possono imporre regole severe e interdizioni.

Nel 2017, una madre si era rivolta alle autorità competenti di Basilea Città, depositando una domanda di insegnamento privato a domicilio per il figlio di otto anni. La richiesta era però stata bocciata, così come il suo appello presso il Tribunale amministrativo cantonale.

La donna non si è però arresa, portando il caso davanti ai magistrati del TF. A suo avviso, il disciplinamento basilese rappresentava una violazione del diritto costituzionale alla vita privata e familiare. Mon Repos è però stato di altro avviso, allineandosi in una sentenza, pubblicata lunedì, ai precedenti gradi di giudizio.

Il primato della scuola obbligatoria

Il primato della scuola obbligatoria

TG 20 di martedì 17.09.2019

 
ATS/EnCa
Condividi