Comprare con largo anticipo i regali natalizi non è sinonimo di convenienza sicura (Keystone)

Shopping in anticipo, non sempre conviene

Comprare mesi prima i regali di Natale raramente garantisce reali risparmi. Lo conferma un'analisi del periodico K-Tipp che sfata un diffuso luogo comune

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Comprare troppo presto i regali di Natale non conviene poiché i prezzi dei prodotti scendono, anche notevolmente, tanto che a inizio dicembre sono inferiori a quanto lo siano in autunno. È quanto emerge da un'indagine di K-Tipp. Molte persone acquistano i loro doni natalizi prima dell'ultimo mese dell'anno, aspettandosi che il loro costo salga con l'avvicinarsi delle feste: questo di solito però non è il caso, rivela il principale periodico svizzero dei consumatori.

Con l'aiuto del portale di confronti Toppreise.ch i giornalisti di K-Tipp hanno effettuato un'analisi dell'evoluzione dei prezzi nel 2020 di 50 articoli dei settori dell'elettronica, del tempo libero e della casa. È emerso un risultato chiaro: 43 dei 50 prodotti erano più economici in dicembre che in novembre, quando il loro costo era al massimo. Solo sette prodotti sono rimasti più o meno allo stesso prezzo o sono diventati leggermente più cari. In base a questa indagine le tariffe sono più alte all'inizio delle campagne pubblicitarie per gli acquisti di Natale.

Possono poi scendere una prima volta per il Black Friday, la giornata di sconti che quest'anno è in agenda il 26 novembre. Ma spesso non è in quella data che viene raggiunto il prezzo più basso: molti rivenditori riducono infatti nuovamente i prezzi tra l'1 e il 12 dicembre, probabilmente per incoraggiare gli acquisti dell'ultimo minuto. Sono così possibili risparmi del 30% e più rispetto ai prezzi di novembre.

ATS/EnCa
Condividi