Solar Impulse in avvicinamento alle Hawaii
Solar Impulse in avvicinamento alle Hawaii (keystone)

Solar Impulse resta a terra

L'aereo solare costretto a rimanere alle Hawaii per la riparazione delle batterie danneggiate durante l'ultima tappa del volo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'aereo solare svizzero Solar Impulse 2 rimarrà al suolo alle Hawaii almeno per due-tre settimane. Le batterie, surriscaldatesi nel corso dell'ultima tappa, devono essere riparate. Questo contrattempo riduce le probabilità di concludere il previsto giro del mondo entro l’anno. Le batterie sono state danneggiate in parte in modo irreversibile e la sostituzione dei pezzi difettosi richiede tempo.

Il velivolo, proveniente dal Giappone, era atterrato lo scorso 3 luglio all'aeroporto Kalaeloa, alle Hawaii, dopo aver percorso 8’285 chilometri in un volo durato cinque giorni e cinque notti, la tappa più lunga del previsto giro del mondo di 35'000 chilometri. La prossima destinazione è Phoenix, in Arizona (USA).

Per concludere il giro del mondo, Solar Impulse dovrebbe attraversare quel che resta del Pacifico, gli Stati Uniti e l'Atlantico entro la metà di agosto, perché più tardi l'irraggiamento solare sarebbe insufficiente. Se le riparazioni dovessero durare più a lungo del previsto, l’avventura proseguirebbe l'anno prossimo, come hanno del resto già ventilato i due piloti André Borschberg e Bertand Piccard.

Red.MM/ATS/Swing

Condividi