Stop all'e-voting della Posta

Le falle scoperte nel sistema hanno indotto l'ex regia federale e la Cancelleria a sospenderne l'utilizzo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Posta ha sospeso l'e-voting poiché il suo sistema si è rivelato troppo poco affidabile.  Il prossimo 19 maggio, in occasione delle votazioni federali, non verrà pertanto proposto alcun voto in forma elettronica nei quattro cantoni (Basilea Città, Friburgo, Neuchâtel e Turgovia) che hanno adottato la tecnologia dell'ex regia federale. Rimarrà invece possibile votare online in quelli che utilizzano il sistema informatico elaborato da Ginevra.

L'attuale sistema della Posta ha mostrato "errori critici" durante i test effettuati nelle scorse settimane, indicano in una nota la Cancelleria e l'azienda della Confederazione.

La Confederazione e vari cantoni vorrebbero generalizzare il voto elettronico nei prossimi anni
La Confederazione e vari cantoni vorrebbero generalizzare il voto elettronico nei prossimi anni (Keystone)

A far pendere la bilancia sono state le falle scoperte dagli informatici invitati a mettere sotto attacco il sistema e, in particolare, quella riguardante  "la verificabilità universale". Essa permette all'elettore di verificare che il suo voto sia stato registrato correttamente dal sistema ed è vista come "una componente fondamentale dell'attuale sistema di e-voting della Posta".

Voto elettronico sospeso

Voto elettronico sospeso

TG 20 di venerdì 29.03.2019

 
 
Diem/ATS
Condividi