"È il diploma di maturità e non il certificato Covid-19 a dare accesso allo studio" (SRF)

Studenti protestano a Zurigo e Lucerna

Alcune centinaia di giovani hanno sfilato stamattina per opporsi al certificato Covid obbligatorio per accedere da oggi, lunedì, alla maggioranza degli atenei svizzeri

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il certificato Covid per accedere alle università continua a far discutere. Questa mattina (lunedì), con la ripresa dei corsi e l’obbligo sancito dalla maggioranza degli atenei svizzeri, a Zurigo e a Lucerna alcune centinaia di studenti hanno manifestato la propria contrarietà, al motto “accesso all'istruzione per tutti senza barriere”.

 

A Lucerna erano circa un centinaio gli studenti, mentre circa altri 150 hanno sfilato nella città sulla Limmat dal Landmuseum verso l'Università e il Politecnico federale, portando cartelloni che chiedevano libero accesso all'istruzione senza certificato e scandendo la parola "Liberté".

 

Un tale documento limita il libero accesso all'istruzione, hanno dichiarato alcuni studenti di Lucerna. È il diploma di maturità e non il certificato Covid-19 a dare accesso allo studio, è stato sottolineato da uno studente che ha detto di essere vaccinato. “Nessun essere umano vale più di un altro, nemmeno una persona vaccinata vale più di una non vaccinata”, ha aggiunto chiedendo quindi un’"istruzione per tutti".

Secondo quanto riferito da una portavoce dei giovani “la politica ha trasformato un problema medico in un problema sociale. Il certificato non è la soluzione, ma parte del problema”.

 
 
ATS/dielle
Condividi