L'A1 bloccata dalla caduta di alcuni alberi a Wangen an der Aare
L'A1 bloccata dalla caduta di alcuni alberi a Wangen an der Aare (Keystone)

Svizzera bloccata da Burglind

Circolazione stradale, ferroviaria e aerea in tilt a nord delle Alpi a causa della tempesta. Axenstrasse chiusa per una frana

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La tempesta Burglind con le sue impetuose raffiche di vento ha mandato in tilt il sistema di trasporto al nord delle Alpi. Nel pomeriggio, oltre alla linea MOB tra Zweisimmen e Lenk dove vi è stato un deragliamento (si vedano i correlati) che ha provocato otto feriti, risultavano bloccate diverse tratte ferroviarie e varie arterie stradali.

 

Importanti disagi sono stati registrati anche al traffico aereo. L'aeroporto di Basilea-Mulhouse è stato chiuso per un'ora e mezza, mentre a Zurigo-Kloten 40 voli sono stati cancellati, sette deviati su altri scali e decine di aerei hanno dovuto ripetere la procedura di atterraggio.

Tre feriti

Le polizie cantonali attribuiscono direttamente alla tempeste tre ferimenti: due anziani buttati a terra a Neuchâtel e una persona colpita al volto a Lucerna dalle schegge del parabrezza della sua auto colpito da un oggetto.

 

Diversi turisti sono bloccati dal maltempo all'hotel Bellevue des Alpes sulla Piccola Scheidegg, a oltre 2'000 metri. Chi avrà più fretta di scendere al piano, dovrà farlo a bordo di uno spazzaneve.

 

La situazione più critica sulle strade si registra sull'autostrada A1 dove sia in direzione di Zurigo sia verso Berna si sono formate lunghe colonne di veicoli. A Wangen an der Aare la circolazione è stata interrotta dalla caduta di alcuni alberi, mentre a Oensingen la forza del vento ha fatto ribaltare otto veicoli: tre camion e cinque furgoni. In seguito la A1 è stata chiusa tra Wangen an der Aare e Luterbach in direzione di Berna a causa di cavi dell'alta tensione caduti sull'autostrada. Il traffico è stato deviato, ma tutte le principali strade della regione in breve si sono intasate. L'A4 è invece stata chiusa tra Kussnacht et Goldau, sul Lago di Zurigo. Forti rallentamenti sono segnalati un po' su tutta la rete viaria a causa della presenza di oggetti sulla carreggiata. L'Axenstrasse è invece stata chiusa a causa di una frana tra Brunnen e Sisikon. La riapertura non è prevista prima di un paio di giorni.

Treni bloccati

Avvisi di problemi disseminati in tutto il nord delle Alpi
Avvisi di problemi disseminati in tutto il nord delle Alpi (FFS/RSI)

Le FFS prevedono perturbazioni alla circolazione dei treni fino a sera su varie tratte dell'Alpopiano, dal Lemano al Bodanico: la linea del San Gottardo è toccata soprattutto dai problemi registrati tra Arth-Goldau e Lucerna. Ma danni legati al maltempo si sono avuti anche nei Grigion. Il servizio ferroviario fra Kloster Platz e Davos Platz è interrotto a tempo indeterminato. Nella Bahnhofstrasse di Coira i rami  di una sequoia plurisecolare si sono schiantati sul baracchino di un venditore di caldarroste danneggiando anche un'auto parcheggiata. Il venditore e i passanti se la sono cavata con un grosso spavento, ma nessuno è rimasto ferito.

Nel comprensorio sciistico del massiccio del Pizol, nel canton San Gallo, diverse persone sono rimaste bloccate per diverse ore nelle cabine degli impianti di risalita, dopo che alcuni alberi si sono abbattuti sui cavi a causa di raffiche di vento.

Piante sui cavi della funivia del Pizol
Piante sui cavi della funivia del Pizol (Keystone)

Svizzera italiana risparmiata

La tempesta Burglind che si sta abbattendo sul nord delle Alpi avrà scarsi effetti sulla Svizzera italiana. Lo rilevano un portavoce di MeteoSvizzera, spiegando che "la nuvolosità che vediamo in Ticino è l'effetto di questa tempesta, ma le conseguenze non sono paragonabili con quanto sta accadendo a nord".

Diem/eb/bin/ATS

L'evoluzione delle previsioni grazie a RSIMeteo

Burglind spazza la Svizzera

Burglind spazza la Svizzera

TG 20 di mercoledì 03.01.2018

Condividi