Perde posizioni la Svizzera nell'ambito della parità tra donne e uomini
Perde posizioni la Svizzera nell'ambito della parità tra donne e uomini (Reuters)

Svizzera: male parità tra sessi

La Confederazione perde dieci posizioni nella classifica stilata dal WEF nel confronto tra donne e uomini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera perde posizioni nella classifica del Forum economico mondiale (WEF) riguardante la parità tra i sessi e scende dall'11° al 21° posto. La Confederazione, secondo un rapporto pubblicato mercoledì a Ginevra, è scivolata in tema di emancipazione politica e opportunità economiche. La classifica è peggiorata nei capitoli sulla rappresentanza femminile nelle funzioni dirigenziali e in tema di retribuzioni: mediamente le donne in Svizzera guadagnano l'83% di quanto intascano gli uomini.

Sul piano politico continua a pesare la scarsa rappresentanza delle donne a livello di esecutivi. Azzerati anche i progressi compiuti negli scorsi anni, quando si era verificato un aumento delle esponenti femminili attive in Parlamento e in altri settori. La classifica mondiale continua a essere guidata dall'Islanda. Al secondo posto si situa la Norvegia, che ha superato la Finlandia, seguite poi da Ruanda e Svezia. Ai ritmi attuali prima di raggiungere la parità sul piano globale ci vorranno cent’anni, afferma lo studio.

ATS/EnCa

Condividi