Il ritorno delle meraviglie
Il ritorno delle meraviglie (bleff)

Svizzera, paese delle meraviglie

Al via la seconda stagione di un viaggio alla scoperta delle radici europee della Svizzera e delle radici svizzere dell'Europa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tornano le #MeraviglieDellaSvizzera e, a proporvele sarà, per tutto il mese di luglio, ogni venerdì alle 20.00, il Telegiornale RSI. Dopo il successo dell’anno scorso - con la prima stagione dedicata alla tutela dei beni culturali - quest’anno Jonas Marti e Jari Pedrazzetti ci porteranno alla scoperta delle radici europee della Svizzera e… delle radici svizzere dell’Europa. Cinque puntate, cinque luoghi curiosi e cinque storie particolari, per scoprire insieme le meraviglie (purtroppo spesso poco conosciute) che si nascondono nel nostro paese.

Quinta meraviglia: L’EUROPA IN UN CASTELLO

La Svizzera, che talvolta si percepisce isolata dal resto dell’Europa (o vuole sentirsi tale), è in realtà da sempre al centro degli sviluppi culturali del Vecchio Continente. Uno degli esempi più interessanti è la storia dell’elegante castello di Coppet, sulle rive del lago Lemano. Qui fu mandata in esilio da Napoleone la celebre scrittrice Madame de Staël, capace di trasformare questo piccolo paesino del canton Vaud in uno dei centri propulsori delle nuove idee europee.

L'Europa in un castello

L'Europa in un castello

TG 20 di venerdì 02.08.2019

 

Quarta meraviglia: AI CONFINI DELL’IMPERO

Il confine settentrionale della Svizzera è, oggi, solo il confine della Svizzera. Un tempo era invece il confine dell’intero impero romano. Il nostro paese è sempre stato un luogo di frontiera, con tutte le opportunità e problemi di questa condizione. A Windisch, nel canton Argovia, si trovano i resti di un importante campo legionario romano: Vindonissa, che ci mostra bene come gli antichi affrontassero la questione della sicurezza ai confini e la questione migratoria.

Ai confini dell'impero

Ai confini dell'impero

TG 20 di venerdì 26.07.2019

 

Terza meraviglia: LA CAPITALE DEI PIZZI

L’industria d’esportazione è sempre stata il motore economico della Svizzera. Sono però in pochi a sapere che ad iniziare questa straordinaria avventura non sono stati né gli orologi, né il cioccolato e neppure i prodotti farmaceutici. No: tutto è cominciato già nel Medioevo con l’attività tessile. Ancora oggi a San Gallo il pizzo è motivo di orgoglio. Nel Museo tessile della città sono custoditi i suoi segreti.

La capitale dei pizzi

La capitale dei pizzi

TG 20 di venerdì 19.07.2019

 

Seconda meraviglia: LA REGGIA DELLE NAZIONI

La Svizzera è internazionalmente conosciuta come luogo di pace e di dialogo. Una storia di successo che mette radici nel secolo scorso e ha il proprio cuore nella città di Ginevra che oggi ospita circa 200 organizzazioni. Tra queste, la più prestigiosa è senza dubbio la sede delle Nazioni Unite. L’edificio principale, conosciuto in tutto il mondo, è il celebre Palais des Nations, costruito tra il 1931 e il 1938 per ospitare quella che allora si chiamava la Società delle Nazioni. Un’opera architettonica che nasconde al suo interno molti gioielli.

La reggia delle nazioni

La reggia delle nazioni

TG 20 di venerdì 12.07.2019

 

Prima meraviglia: LA VIA DEI CESARI

La Svizzera è sempre stata al centro delle vie di comunicazione europee, fin dall’inizio dei tempi. Attraverso le nostre montagne, su e giù per l’Europa, nei millenni sono passati mercanti, guerrieri, pellegrini e migranti. Ma sulla via delle genti c’è forse un luogo più speciale di tutti gli altri: è il passo del Gran San Bernardo, al confine tra Italia e Vallese. Una via antichissima, su cui sono passati imperatori romani, santi e generali.

La via dei Cesari

La via dei Cesari

TG 20 di venerdì 05.07.2019

 

Jonas Marti

Condividi