La bandiera del gruppo separatista che dal 1983 al 2009 ha combattuto per la creazione di uno Stato indipendente nel nord-est dello Sri Lanka
La bandiera del gruppo separatista che dal 1983 al 2009 ha combattuto per la creazione di uno Stato indipendente nel nord-est dello Sri Lanka (Keystone)

Tigri alla sbarra a Bellinzona

Si è aperto il processo contro 13 persone accusate di aver sostenuto e fatto parte del gruppo militare tamil

Il più grosso processo mai svoltosi in Svizzera contro un'organizzazione criminale si è aperto lunedì mattina al Tribunale penale federale a Bellinzona. Alla sbarra compaiono tredici imputati, accusati, a vario titolo, di sostegno o partecipazione a un'organizzazione criminale, truffa e altri reati finanziari per l’appoggio dato nel corso degli anni alle Tigri Tamil, in guerra contro l'esercito dello Sri Lanka per l'indipendenza del nord-est dell'isola.

Tra le altre cose, sostiene l’accusa, i membri dell’organizzazione (residenti in Svizzera, Germania e Sri Lanka) avrebbero messo in piedi un meccanismo per sfruttare i loro concittadini al fine di finanziarie le Tigri di liberazione dell'Eelam Tamil. In alcuni anni, fino al termine della guerra civile nel 2009, sarebbero riusciti a racimolare 15 milioni di franchi (serviti anche all’acquisto di armi) convincendo i membri della diaspora a sottoscrivere contratti di credito al consumo con una banca. Soldi poi finiti nell'isola a sud dell'India.

Il legame con il gruppo militare nazional-comunista è emerso solo in un secondo tempo. Ufficialmente agivano sotto il nome della sezione svizzera dell'organizzazione mondiale "World Tamil Coordinating Commitee".

Il processo sarà lungo. La Corte penale ha previsto una ventina di giornate di dibattimento.

Diem/RG

Tigri alla sbarra a Bellinzona

Tigri alla sbarra a Bellinzona

TG 20 di lunedì 08.01.2018

Tamil alla sbarra

Tamil alla sbarra

TG 12:30 di lunedì 08.01.2018

Condividi