Immagine d'archivio (keystone)

Transessuali nell'esercito

Le forze armate aprono l'ufficio "Diversity Swiss Army" per gestire le pratiche di persone transgender

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'esercito svizzero e la protezione civile si stanno adattando al tema della transessualità. Le forze armate lo fanno con la creazione di un ufficio denominato "Diversity Swiss Army". Lo riportano domenica Le Matin Dimanche e la Sonntags Zeitung. 

L'attuale normativa prevede l'inammissibilità per le persone transessuali sia nell'esercito che nella protezione civile, ma le regole stanno cambiando e - secondo quanto riportano i domenicali - se uno specialista certifica la salute mentale e fisica, la resistenza allo stress, l'adattabilità e le altre caratteristiche necessarie, non ci sarà nulla che potrà impedire l'ammissione di una persona transessuale nelle forze armate.

Dall'anno prossimo, inoltre, i recrutatori chiederanno ai giovani in quale genere si indentificano. I casi comunque sono rari. I medici militari registrano circa 18 persone transessuali l'anno.

 

NOT/ATS/eb
Condividi