Il Verbano si è conferma la regione più gettonata (Ti-Press)

Una Pentecoste in chiaroscuro

Meno turisti in Ticino rispetto all'Ascensione - In tutta la Svizzera molto gettonate le zone alpine, non senza qualche inconveniente

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Se il fine settimana dell'Ascensione aveva ridato un po' di fiato al turismo ticinese, quello di Pentecoste ha deluso in parte le attese. "Il weekend in questione si è rivelato più freddo rispetto al precedente", spiega Lorenzo Pianezzi, presidente della sezione ticinese di HotellerieSuisse. "Se durante il ponte dell'Ascensione qualche camera era stata prenotata all'ultimo, questa volta i giorni di festa non hanno regalato sorprese".

Come già successo per l'Ascensione, anche a Pentecoste le strutture più gettonate sono state quelle di 4 o 5 stelle, soprattutto nel Lago Verbano. "Il Locarnese ha avuto una percentuale di prenotazioni attorno al 30-40%, situazione che nel Luganese non si è verificata", afferma alla RSI Lorenzo Pianezzi. "I dati potranno però essere interpretati correttamente solo quando potranno riaprire anche i battelli e gli impianti di risalita, importanti attrazioni per il nostro turismo".

Il fine settimana di Pentecoste è stato caratterizzato in tutta la Svizzera da una forte affluenza di persone nelle zone alpine. La corsa alle escursioni non ha mancato di creare disagi, causando problemi di traffico e di littering.

RG 12.30 del 01.06.2020, le dichiarazioni di Katharina Conradin raccolte da Maria Jannuzzi
RG 12.30 del 01.06.2020, le dichiarazioni di Katharina Conradin raccolte da Maria Jannuzzi
 

Per Katharina Conradin, presidente della commissione internazionale per la protezione delle Alpi (CIPRA), è importante sottolinea l'importanza di scelte sostenibili: "A pesare fortemente sull'ambiente è sempre la trasferta. Quest'estate molte destinazioni turistiche dovranno adottare misure di sensibilizzazione".

Il prossimo 6 giugno gli impianti di risalita elvetici riceveranno l'autorizzazione a riaprire, aspetto che dovrebbe favorire una maggiore distribuzione dei turisti sulle montagne svizzere.

RG/EBe
Condividi